chippy e shabby,camera da letto

Chippy e Shabby: Ecco le Differenze


Se sei un vero appassionato di interior design (e se ti trovi qui presumo che, almeno un po’, tu lo sia) non puoi non aver sentito parlare dello stile Chippy.

Assomiglia molto allo stile Shabby Chic, ma ti posso assicurare che, nonostante i molti punti in comune, Chippy e Shabby sono anche molto diversi. Vediamo in cosa si distinguono, imparando a conoscere meglio questo nuovo stile d’arredamento.

Le Caratteristiche dello Stile Chippy

chippy e shabby,tavolino bianco
By CastawayVintage via Flickr[CC BY 2.0]

Iniziamo a descrivere un po’ lo stile Chippy. Sappiamo che deriva, praticamente, dallo Shabby Chic, ma c’è una sostanziale differenza tra Chippy e Shabby Chic e si può vedere a occhio nudo. Ci sei arrivato, vero? Il primo dei due associa un effetto molto più rovinato ai mobili, lasciando intravedere la materia grezza sotto una verniciatura che sembra reggere per miracolo.

La caratteristica di questo modo d’arredare è, infatti, quella di recuperare i vecchi mobili della nonna e integrarli nell’arredamento così come sono. Senza riverniciature o una qualsiasi mano d’opera per rimetterli in piedi. Il risultato deve essere al 100% naturale.

Differenza tra Chippy e Shabby Chic

chippy e shabby,zona pranzo
By G Lowles Interiors via Flickr[CC BY-ND 2.0]

Ora che sappiamo qualcosa in più sullo stile Chippy, facciamo un piccolo ripasso di Shabby Chic, giusto per rinfrescarci la memoria. Se ti ricordi bene, lo stile Shabby consiste nel recupero di mobili e oggetti d’antiquariato, mettendoli a nuovo per trasformarli nei protagonisti del nostro arredamento.

Chippy e Shabby non sono, quindi, poi così diversi. Entrambi partono dallo stesso presupposto: recuperare un vecchio mobile che, altrimenti, sarebbe finito in mezzo a una discarica. Da questo obiettivo comune si ottengono, però, due risultati molto differenti.

La principale differenza tra Chippy e Shabby Chic è che, se nel primo caso ci si limita a recuperare un vecchio oggetto, dove più è rovinato meglio è, nel secondo si punta a dare una nuova vita a un vecchio mobile, re-tinteggiandolo e trasformandolo in qualcosa di nuovo.

L’Uso del Colore in Chippy e Shabby Chic

chippy e shabby,madia blu
By Paris on Ponce & Le Maison Rouge via Flickr[CC BY 2.0]

Un’altra differenza tra Chippy e Shabby Chic è l’uso del colore. Se nel caso di quest’ultimo le tonalità a venire usate erano, prevalentemente, sui toni pastello e mai troppo accese, con lo stile Chippy c’è un grande ritorno del colore. Giallo, verde, ma anche lavanda, per assecondare i toni dello Shabby Chic. Insomma, non esistono limiti sulle tonalità da usare e ciò porta i mobili Chippy a rientrare, senza problemi, in qualunque tipo di arredamento: dall’industrial al classico, fino al moderno.

Due Risultati Diversi per un Obiettivo Comune

chippy e shabby,camera da letto
By Mg Blackstock via Flickr[CC BY 2.0]

Chippy e Shabby hanno due modi molto diversi di approcciarsi al recupero di mobili e arredi, ma hanno un obiettivo comune: dare nuova vita a oggetti che chiunque considererebbe come spacciati.

Se ti piace giocare con l’arredamento e vuoi avere più possibilità di scelta, il fenomeno Chippy è quello che fa per te. Altrimenti, se prediligi tonalità tenui e un’indiscutibile eleganza, ti consiglio di puntare sul caro e vecchio amico Shabby Chic.

Allora, quale hai scelto?

chippy e shabby infografica


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *